Sostituire le uova nella tua dieta
è più facile di quello che si pensi, inizia subito:
CUSTOM JAVASCRIPT / HTML
Iscrivendoti accetti le condizioni della privacy.
In molte preparazioni le uova vengono impiegate per diluire gli impasti oppure per amalgamare gli ingredienti grazie al loro potere legante. Tuttavia, proprio in virtù delle loro funzioni, possono facilmente scomparire dalla ricetta senza che la vostra pietanza perda gusto o consistenza: basta trovare una giusta proporzione tra parte liquida e parte solida utilizzando gli altri ingredienti e dell’acqua. Ma se volete qualche consiglio in più su come ottenere l’effetto dato dalle uova ecco qui alcuni sostituti utilizzabili, le galline ve ne saranno grate!
Per legare l’impasto di una torta, utilizzate un cucchiaio di farina di riso, amido di mais o fecola di patate per ogni uovo da sostituire. Se il gusto del dolce non ne dovesse risentire, si può in alternativa frullare ed utilizzare un pezzetto di banana, di zucca lessata o di polpa di avocado, oppure con una fettina di mela frullate. Se il tempo è dalla vostra parte, potete anche preparare un gel di semi di lino, mettendo a bagno i semi in acqua e poi, filtrandoli via, utilizzare il composto ottenuto.
Per legare l’impasto di burger o polpette vegetali, si possono utilizzare patate lesse, riso bollito non precedentemente sciacquato sotto l’acqua, ceci o miglio lessati
Per addensare le creme da farcitura, si può utilizzare un cucchiaio di farina di riso, amido di mais o fecola di patate per ogni uovo da sostituire. Aggiungendoli durante la cottura, si deve poi portare ad ebollizione e mescolare. 

Per creare un impasto da crostata o biscotti, bisogna dosare bene gli ingredienti liquidi e solidi così da ottenere un impasto facilmente malleabile e poi ritagliabile. Se qualcosa dovesse andare storto nella preparazione, basta aggiungere il solito cucchiaio di farina di riso, amido di mais o fecola di patate ed il gioco è fatto! Lo stesso vale per le crepes dolci e salate e per la pasta fresca. 
Ogni tanto, anche il fritto vuole la sua parte. Per le panature, bisogna preparare una pastella densa di acqua e farina, immergere i cibi nel composto e poi passare nel pangrattato. Invece per la frittura tradizionale, alla stessa pastella si può aggiungere dell’acqua frizzante e friggere dopo aver immerso i cibi nel composto. 

Per le frittate, niente paura: basta preparare un composto a base di farina di ceci e acqua, aggiungere spezie a piacimento e poi procedere con la normale preparazione di una frittata tradizionale.

Per il ripieno delle torte salate, potete sostituire le uova, ad esempio, con del formaggio vegetale spalmabile oppure con della panna vegetale.

Vuoi ricevere gratuitamente dei pratici consigli per cucinare senza fare male a nessun animale? 
Iscriviti ora alla nostra guida Love Veg!
Via Stefanardo da Vimercate 28 | 20128, Milano, IT | (+39) 327.774.8526
info@animalequality.it | www.animalequality.it
Animal Equality è un'organizzazione internazionale per i Diritti Animali fondata nel 2006. In Italia opera come associazione non profit iscritta al Registro Regionale delle Organizzazioni di Volontariato della Lombardia (iscrizione MI-816), pertanto onlus di diritto scondo l'Art. 10, c. 8, Dlgs 460/97.